404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Libri Narrativa Corea del Sud Shin Kyung-sook, PRENDITI CURA DI LEI (2008)

Shin Kyung-sook, PRENDITI CURA DI LEI (2008)

Sunday, 24 July 2011 16:54 Stefano Locati Libri - Corea del Sud
Print

prenditi_cura_di_leiIn una concitata stazione della metropolitana di Seoul un'anziana scompare misteriosamente. Il marito si ritrova solo nel vagone affollato, con la borsetta della moglie in mano. I figli, riunitisi per affrontare la crisi, decidono di preparare dei volantini segnaletici, nella speranza che qualche testimone possa dare indizi utili per il ritrovamento. Da queste premesse parte il ritratto elegiaco e spietato di una donna di un altro tempo, sola e pervicace, analfabeta e instancabile - un omaggio amorevole ed enfatico alla figura della madre nelle relazioni con la sua famiglia e il mondo esterno.

Shin Kyung-sook, nata nel 1963 in un piccolo centro montano della Corea del Sud, costruisce il racconto intorno a una polifonia di voci disperse, accomunate dal senso di disperante nostalgia che provano per la donna scomparsa - che a vario titolo si rendono conto di aver trascurato o frainteso quando la frequentavano e avevano possibilità di parlarle. I quattro capitoli principali hanno al centro ciascuno un familiare diverso - la figlia maggiore, scrittrice, il figlio maggiore, immobiliarista, il padre, roso dai sensi di colpa, la figlia minore, a sua volta madre (mentre rimangono inspiegabilmente sullo sfondo gli altri due fratelli, con soli vaghi cenni sparsi). Ognuno è caratterizzato dal tono confessionale della scrittura, colorita da un uso misto del punto di vista: si passa con semplicità dalla seconda persona singolare alla prima, fino alla terza, in un gioco prospettico di ricordi innestati su piani temporali diversi. E' dagli scarti tra questi sguardi che emerge tutta la forza ambivalente della protagonista, Park So-nyo, madre dedita a ogni sacrificio, eppure caparbia, moglie remissiva, eppure mai vinta.
Un racconto che si approfondisce con lo scorrere delle pagine, e dalla scarna situazione iniziale riesce a costruire un ritratto sempre più vivido e al contempo sfuggente. La traduzione di Vincenzo Mingiardi è scorrevole, ma presumbilmente condotta sulla versione inglese. Unico neo del libro, che ha avuto enorme successo in Corea, con oltre due milioni di copie vendute, tanto da venir pubblicato anche in molti paesi occidentali, è un finale eccessivamente melodrammatico, ambientato a Città del Vaticano, che tende al mistico abbandonando il lirismo precedente.


autore: Shin Kyung-sook
casa editrice: Neri Pozza
anno: 2011
pagine: 217
prezzo: 16,50 euro
isbn: 978-88-545-0423-3
lingua: italiano

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook