404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Libri Narrativa Giappone Murakami Haruki, DANCE DANCE DANCE (1988)

Murakami Haruki, DANCE DANCE DANCE (1988)

Thursday, 17 February 2011 00:52 Stefano Locati Libri - Giappone
Print

murakami_dance_dance_danceMurakami torna ai toni surreali di Nel segno della pecora (1982) e La fine del mondo e il paese delle meraviglie (1985) dopo la parentesi più nostalgico-mélo di Norwegian Wood (1987). Lo fa con i temi che lo contraddistinguono, dalla solitudine all'eco del passato, dalla passione musicale al flusso di coscienza che interseca diversi piani di esistenza.

Un giornalista freelance di trentaquattro anni ricorda con trasporto la visita a un vecchio albergo, il Dolphin Hotel. Vorrebbe tornarci, per affrontare questioni irrisolte della sua vita, ma al suo posto trova un complesso alberghiero extra lusso, alto decine di piani, con torme di inservienti e manager. Qui incontra personaggi bizzarri, mentre ha visioni, o crede di avere visioni, dell'albergo passato che ritorna, sovrapponendosi all'attuale.
L'incipit e la struttura a ricerca ricordano un noir della mente, ma il sestante di Murakami è puntato verso una metafisica dell'esistenza politica dell'uomo. Il protagonista, che lavora senza sapere il perché, convinto che la sua scrittura non sia altro che "spalare neve", si scontra con le zone d'ombra del capitalismo avanzato e si arresta, a un impasse. Ma, come scopre strada facendo, non è possibile fermare il convoglio, per quanto sembrino paradossali le sue movenze disarticolate: "Danzare è la tua unica possibilità (...). Devi danzare, e danzare bene. Tanto bene da lasciare tutti a bocca aperta. Se lo fai, forse anch'io potrò darti una mano. Finché c'è musica, devi danzare!" (p. 113). E' possibile cambiare percorso, ma non astrarsi, perché comunque si è parte di un processo automatizzato.
Dance Dance Dance rappresenta una riflessione sull'aspetto sociale dell'uomo e insieme sullo stato del singolo nel Giappone della bolla economica del progresso sfrenato. La scrittura magnetica di Murakami, nella traduzione dal giapponese di Giorgio Amitrano, crea una tela di personaggi preda di nevrosi e tratti extra-ordinari (la receptionist Yumiyoshi, la caparbia Yuki, figlia di una famosa fotografa, la prostituta Kiki, l'attore Gotanda, amico d'infanzia del protagonista), che all'inquietudine sostituiscono una straordinaria profondità cognitiva naturale. Un romanzo che scardina la sua stessa volontà narrativa - pervaso dalla musica rock e dalla carica furente degli anni '60 - per ricostruire dall'interno il senso di esperire e muoversi nella realtà.


autore: Murakami Haruki
casa editrice: Einaudi
anno: 2009
pagine: 500
prezzo: 13,00 euro
isbn: 9788806174347
lingua: italiano

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook