404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Libri Saggi MUSICA E TRADIZIONE IN ASIA ORIENTALE (2010)

MUSICA E TRADIZIONE IN ASIA ORIENTALE (2010)

Thursday, 12 April 2012 09:47 Stefano Locati Libri - Saggi
Print

musica_e_tradizione_in_asia_orientale_sestiliDaniele Sestili studia da oltre vent'anni l'Asia orientale, in particolare il Giappone, e insegna Etnomusicologia dell'Asia presso la Facoltà di Studi Orientali dell'università di Roma La Sapienza. In questo volume indaga "le tradizioni musicali della regione est-asiatica nel tessuto culturale di cui sono una parte integrante" (p. 17), concentrando la sua attenzione su Cina, Giappone e Corea - come ricorda il sottotitolo del libro, Gli scenari contemporanei di Cina, Corea e Giappone - integrando quando utile con le tradizioni di Mongolia e Vietnam. Si tratta di uno studio complesso e appassionato, indispensabile per iniziare ad avere uno sguardo completo sull'argomento, in grado di offrire un'introduzione alle identità musicali dell'area sia negli elementi comuni, con similitudini e influenze reciproche, sia nei tratti peculiari di ciascun paese, arricchito peraltro da un cd musicale d'accompagnamento e da numerose fotografie esplicative.

Dopo la Presentazione di Federico Masini, preside della facoltà di Studi Orientali, e la veloce prefazione di Robert C. Provine, della School of Music dell'University of Maryland, Sestili inizia il viaggio di avvicinamento prima di tutto alla sua materia, l'etnomusicologia, e poi al continente asiatico. Nel Prologo, Pensare, (de)scrivere culture musicali 'altre', vengono infatti dispiegati gli strumenti concettuali utili a comprendere il senso dell'indagine, che non si limita all'esposizione di pratiche musicali e strumenti differenti ed "esotici", ma punta alla scoperta di un universo culturale stratificato nelle sue interdipendenze. Il grande merito del libro è riconoscere come "le culture non sono universi separati, né realtà chiuse, limitate e localizzate" e che "all'interno di una stessa società coesistono una pluralità di sistemi culturali, ovvero più culture" (p. 20): questo significa guardare alle musiche tradizionali non come realtà a sé stanti, ma come parte integrante di un orizzonte più ampio, in cui ad esempio entrano anche popular music e la musica classica occidentale. Tenendo a mente questa premessa, Sestili nel primo capitolo, La musica in est Asia: una visione d'insieme, chiarisce le basi comuni ai diversi paesi, con le influenze che a partire dalla Cina si sono diramate all'esterno, ritornando poi a elaborare in altre forme la cultura cinese. I tre capitoli successivi approfondiscono invece singolarmente i tre paesi presi in esame nelle loro unicità: per ogni paese viene delineato uno studio storico, vengono presentati gli strumenti musicali, la vocalità e i diversi stili tipici, per esaminare infine le tradizioni musicali ancora oggi vive. Conclude un epilogo, Sguardo Occidentale/riflessione indigena, che colloca quanto esposto nel processo di avvicinamento e comprensione da parte occidentale delle culture asiatiche, dalla letteratura di viaggio dei primi missionari ed esploratori agli studi contemporanei.
La richezza del volume non si esaurisce però nel testo appena descritto: Sestili raccoglie un utilissimo apparato critico, a partire da una bibliografia ragionata, una discografia e una videografia preliminari che insieme permettono di continuare ad approfondire autonomamente l'argomento secondo gli stimoli personali ricevuti. La seconda parte del volume presenta inoltre i brani raccolti nel cd, composto da 20 tracce sonore: il cd offre una prima idea delle diverse realtà, con 7 brani della tradizione cinese, 6 di quella coreana e 7 di quella giapponese. C'è poi una raccolta di 65 fotografie a colori su carta lucida, commentate nelle didascalie, che riassuma visivamente gli strumenti e le posture di cui si è discusso in precedenza. Chiudono il volume quattro appendici: un glossario con i termini tecnici appartenenti alle tre diverse lingue dei paesi oggetto dell'indagine, le traslitterazioni degli ideogrammi di termini e nomi cinesi, coreani e giapponesi, oltre al classico indice dei nomi. Musica e tradizione in Asia orientale è un'opera stratificata che mantiene una magnifica capacità di sintesi, sempre chiara nonostante l'introduzione di numerosi termini tecnici e di concetti non immediati. Uno studio capace di incuriosire e di aprire nuove prospettive nell'approcciare tradizioni musicali (e non solo) distanti dalle nostre.


autore: Daniele Sestili
casa editrice: Squilibri, collana Culture e territorio
anno: 2010
pagine: 288 (con 65 foto a colori e cd musicale allegato)
prezzo: 28,00 euro
isbn: 978-88-89009-32-1
lingua: italiano

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook