404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Libri Saggi SPLENDIDI RIFLESSI DI CIÒ CHE CI MANCA. IL CINEMA DI KOREEDA HIROKAZU (2013)

SPLENDIDI RIFLESSI DI CIÒ CHE CI MANCA. IL CINEMA DI KOREEDA HIROKAZU (2013)

Saturday, 22 February 2014 18:50 Stefano Locati Libri - Saggi
Print

splendidi riflessi di cio che ci mancaKoreeda Hirokazu è un regista giapponese contemporaneo che troppo spesso viene trascurato, in favore da una parte di registi più “vistosi”, come Miike Takashi, Sono Sion o Kurosawa Kiyoshi, dall'altra di registi con una nomea autoriale più consolidata, come Kitano Takeshi o Tsukamoto Shinya. In effetti Koreeda ha avuto una minore esposizione internazionale, anche perché si è confrontato con un cinema meno popolare e più lontano da istinti di genere, ma i suoi film possiedono una calma fermezza capace di insinuarsi sottopelle, imponendosi a ogni visione. A questa ingiustificata “svista” critica pone finalmente rimedio lo studio di Claudia Bertolé, che con stile diretto e lucido riesce a restituire la giusta prospettiva sul cineasta.

L'autrice, dopo una veloce prefazione di Grazia Paganelli, indaga il percorso artistico di Koreeda a partire dai suoi esordi nel documentario fino al successo di Like Father, Like Son – premio della giuria al Festival di Cannes 2013. Piuttosto che seguire un piatto percorso cronologico, per presentare pedissequamente gli sviluppi dell'autore, Bertolé preferisce un approccio diacronico e circolare, che prende in esame diversi aspetti della poetica di Koreeda saltando liberamente tra i diversi film. Una scelta vincente, che sprofonda da subito nella voce particolare e profonda dei suoi film. Sono così portati alla luce i temi ricorrenti – la memoria (o la sua assenza) e l'identità, il rapporto genitori-figli e l'infanzia, il femminino – per come sono coniugati in titoli temporalmente distanti.
Il volume è diviso in due parti: la prima, quella fondante, di una settantina di pagine, esplora in forma di saggio le influenze e la poetica di Koreeda, mentre la seconda prende in esame analiticamente ogni singolo film. L'esame di Koreeda non è chiuso in se stesso, ma è aperto a un confronto con il cinema giapponese, sia quello a lui coevo (ad esempio Kawase Naomi o Aoyama Shinji), che quello antecedente, con in particolare i rapporti che lo legano a Naruse Mikio e Ozu  Yasujiro. Splendidi riflessi di ciò che ci manca è un viaggio conturbante in un cinema quieto, riflessivo, profondamente toccante, che ha un sapore classico, eppure presenta sempre degli scarti ulteriori, capaci di cogliere le contraddizioni della società e della vita in genere. Una introduzione circostanziata e appassionata, che senza lanciarsi in interpretazioni spericolate sa cogliere l'essenza dello sguardo umanistico di Koreeda.


autore: Claudia Bertolé
casa editrice: Edizioni Il Foglio
anno: 2013
pagine: 170
prezzo: 14 euro
isbn: 978-88-7606-473-9
lingua: italiano



sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook