404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Libri Saggi MAE NAK (2011)

MAE NAK (2011)

Wednesday, 11 January 2012 15:05 Armando Rotondi Libri - Saggi
Print

mae_nakAlessandra Campoli è ricercatrice presso l’University of the West of Scotland (Paisley, a pochissimi chilometri da Glasgow) e ha viaggiato molto nel sud est asiatico per svolgere le proprie ricerche. Con Mae Nak sviluppa il suo discorso in maniera molto particolare, a metà strada tra il racconto di viaggio e il saggio. Il risultato è un volume scorrevole, fruibile e con molti elementi e dati di interesse.

L’autrice analizza la figure delle mae nak, le donne vampiro tipiche del folclore tailandese, ma non si concentra solo su di esse, dà invece una panoramica esaustiva e a tutto tondo degli spiriti maligni che infestano le leggende della Thailandia e della Malesia. Da qui il sottotitolo al volume Donne vampiro e spiriti famelici dal lontano Oriente. Non solo mae nak, quindi, ma anche pontianak, variante della prima che significa “fantasma che porta un bambino”, o il famelico cucciolo pelesit. La scelta di non realizzare un saggio accademico si rivela davvero confacente, poiché, con il suo stile, la Campoli riesce a portare il lettore in viaggio con lei e, soprattutto, a soffermarsi su quegli elementi importanti per l’argomento. La brava scrittrice si muove in maniera egregia tra antiche leggende orali e miti urbani moderni, tra i grattacieli di Bangkok e il mondo rurale, giungendo a toccare anche il mondo cinematografico tailandese. Chiama in causa, in particolare, sei film: Nang Nak (1999) di Nonzee Nimibutr; Ghost of Mae Nak (2005) di Mark Duffield; Ghost of Valentine (2006) di Yuthlert Sippapak; Demonic Beauty (2006) di Bin Bunluerit; The Unborn (2003) di Bhandit Thongdee; Takien (2003) di Chalern Wongping. Lo studio di questi costituisce l’ultima parte del volume e vengono indagati bene dalla Campoli, che applica uno sguardo allo stesso tempo cinefilo e antropologico, partendo dall’interessante considerazione sul “realismo” dell’horror tailandese, per poi affermare: “Il mito, fedelmente rappresentato o caoticamente stravolto dalle sceneggiature, si fa allora film e con sé porta, amplificati dalla potenza del linguaggio visivo cinematografico, tutti quei temuti e affascinanti elementi che delineano le peculiari personalità delle affamate phi e delle malinconiche revenant” (p. 102). A rendere ancora più gradevole la lettura le immagini e le illustrazioni della bella edizione Exorma.


autore: Alessandra Campoli
casa editrice: Exorma
anno: 2011
pagine: 128
prezzo: 14,50 euro
isbn: 978-88-95688-42-8
lingua: italiano

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook