404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Section Blog
Example of Section Blog layout (FAQ section)

YASUJIRO OZU. SCRITTI SUL CINEMA (2016)

Friday, 15 July 2016 12:22 Stefano Locati
Print PDF

Yasujiro Ozu. Scritti sul cinema (2016)Ozu Yasujiro (1903-1963), tra i più grandi registi giapponesi e della storia del cinema mondiale, ha lasciato molti scritti sul cinema e sul suo mestiere, per lo più occasionati da richieste esterne - un intervento su un giornale, un articolo per una rivista. Il merito di averli trovati, riuniti, catalogati è studiati è del critico Masasumi Tanaka (1946-2011), che in Giappone ha curato diverse raccolte in grado di gettare nuova luce interpretativa su un autore già molto studiato, in molti casi canonizzato. Scritti sul cinema, a cura di Franco Picollo e Yagi Hiromi, raccoglie e traduce una selezione di quegli scritti, tracciando un percorso toccante nella sensibilità artistica di Ozu.

Last Updated on Friday, 15 July 2016 12:52
 

Lee Hyeonseo, LA RAGAZZA DAI SETTE NOMI (2015)

Friday, 22 April 2016 13:54 Eleonora Fanile
Print PDF

La ragazza dai sette nomiChe la Repubblica Popolare Democratica di Corea, meglio conosciuta come Corea del Nord, sia retta da una dittatura totalitaria è risaputo. È noto anche come sia difficile per un visitatore straniero ottenere il permesso per entrarvi. Le informazioni che ci giungono da questa terra, quasi leggendaria per quanto lontana dalla definizione occidentale di modernità e democrazia, sono approssimative e spesso inaffidabili. Nonostante notizie di avvenimenti inquietanti trapelino con cadenza quasi quotidiana dai telegiornali e vengano prontamente condivise sui social media, è ancora difficile potersi costruire un’idea ben strutturata della condizione nordcoreana. In questo senso, La ragazza dai sette nomi di Lee Hyeonseo, aiutata nella stesura dallo scrittore statunitense David John, che ha vissuto a Seoul e visitato la Corea del Nord, ha l’innegabile pregio di aprire una finestra su molti degli aspetti più oscuri e sconosciuti di questo paese.

Last Updated on Friday, 22 April 2016 16:27
 

Li Ruzhen, DESTINI DEI FIORI NELLO SPECCHIO (1828)

Friday, 22 April 2016 12:50 Stefano Locati
Print PDF

Destini dei fiori nello specchioDurante il regno dell'imperatrice Wu Zetian (690-705) l'ambizione sfrenata della corte, alla ricerca di una bellezza edonistica e passeggera, porta alla fioritura di tutti i fiori fuori stagione. Le immortali fate dei Cento Fiori, responsabili loro malgrado dello squilibrio naturale, vengono condannate a reincarnarsi in altrettante fanciulle mortali. Intanto un letterato e funzionario di basso rango, Tang Ao, le cui possibilità di carriera sono limitate da un inconsapevole legame passato con figure eversive, decide di abbandonare la strada della “polvere rossa” e di puntare all'ascetismo. Un saggio gli rivela in sogno che dovrà compiere un viaggio per mari e terre straniere per trovare e accudire dei preziosi fiori. Solo così potrà diventare un immortale. Tang si reca allora dal cognato Lin Zhiyang, un commerciante marittimo, e insieme si imbarcano verso l'ignoto.

Last Updated on Friday, 22 April 2016 13:05
 

Mo Yan, IL PAESE DELL'ALCOL (1992)

Wednesday, 06 April 2016 08:10 Eleonora Fanile
Print PDF

Il paese dell'alcol di Mo YanDopo la prima pubblicazione in Cina nel 1992 e una versione riveduta nel 2000, Il paese dell’alcol di Mo Yan (Jiuguo in originale) arriva anche in Italia, edito da Einaudi e tradotto dal cinese da Silvia Calamandrei.

Last Updated on Wednesday, 06 April 2016 09:23
 

Wong Jan, PECHINO CONFIDENTIAL (2008)

Monday, 05 October 2015 12:39 Eleonora Fanile
Print PDF

Pechino Confidential (2008)All’inizio degli anni Settanta la diciannovenne Jan Wong, residente in Canada, si trasferisce a Pechino affascinata dalla politica maoista e con l’obiettivo di frequentare l’università e prendere parte alla Rivoluzione Culturale, partecipando anche alle attività più faticose e umili pur di concretizzare i propri sogni. Travolta dall’entusiasmo degli ideali comunisti, Jan non si rende conto delle grandi ipocrisie che contraddistinguono la realtà cinese dell’epoca e, ingenuamente, denuncia una compagna che le aveva confessato il desiderio segreto di partire per gli Stati Uniti.

Last Updated on Tuesday, 06 October 2015 09:56
 


Page 1 of 16
Share on facebook