404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Televisione Giappone Itazura na Kiss (serie tv, 1996)

Itazura na Kiss (serie tv, 1996)

Tuesday, 11 January 2011 00:00 Armando Rotondi Televisione - Giappone
Print

itazura_na_kiss_0Tratto dall’omonimo e rimasto incompleto shōjo della rimpianta Tada Kaoru, già autrice di Ai Shite Night, si tratta del primo adattamento di Itazura na Kiss, manga che vede la sua fortuna in mezza Asia, con altre versioni televisive prodotte a Taiwan (It Started With a Kiss, 2005-2006, e il suo seguito They Kiss Again, 2007-2008), Corea del Sud (Playful Kiss, 2010) e, ancora in fase preparatoria, Filippine (Sealed with a Kiss, 2011). A questi si aggiunga anche il divertente anime che vede la luce nel 2008, quasi un ventennio dopo l’inizio di pubblicazione del manga.

Con Itazura na Kiss di Morita Mitsunori ci troviamo di fronte all’unica versione live giapponese e, tra quelle citate, alla serie con il minor numero di episodi e, per tale ragione, dove la trama si interrompe bruscamente. La storia vede Kotoko, imbranata studentessa della sezione F, la peggiore classe della scuola, perdutamente innamorata del bello e intelligente quanto freddo Naoki. Dopo aver consegnato al ragazzo una lettera d’amore, Kotoko viene seccamente rifiutata, sprofondando nello sconforto. Sembra che mai Naoki, miglior studente dell’istituto, possa interessarsi a una come lei. Le cose si complicano quando, a causa di un terremoto, la casa dove Kotoko vive con il padre viene distrutta e loro si trovano costretti a trasferirsi da alcuni carissimi amici del padre: si tratta proprio del’abitazione dove Naoki vive con la sua famiglia.
Nonostante alcuni cambiamenti, come ad esempio la casa di Kotoko che viene distrutta da un incendio, invece di un terremoto, Itazura na Kiss ripropone fedelmente i primi episodi del manga, cambiando, poi, leggermente rotta. Ciò è dovuto alla produzione della serie nel 1996, tre anni prima dell’ultimo tankōbon pubblicato e con la serie interrotta per la prematura scomparsa dell’autrice, appena trentottenne. In ogni caso l’inizio è abbastanza fedele. I caratteri dei due protagonisti si discostano, tuttavia, da quanto si può leggere sulla pagina disegnata o vedere nel successivo anime. Naoki, da ragazzo sicuro di sé, freddo e anche un po’ crudele, si trasforma più in un giovane seccato dall’ambiente circostante, problematico e quasi disadattato, non così geniale come dovrebbe apparire. Satō Aiko ci regala, invece, una Kotoko che, più che imbranata, sembra essere ai limiti della macchietta, ma risulta, a ogni modo, divertente e godibile. Dato il numero esiguo di episodi, rispetto agli altri adattamenti del manga, alcuni personaggi di contorno sono in ombra, in particolare i compagni di classe di Kotoko, mentre abbastanza ben delineati alcuni membri delle due famiglie. Se il padre di Naoki rimane nell’ambito della macchietta, la madre Machiko risulta davvero fedele al personaggio originale: petulante, invasiva, ma anche simpatica e dolce.
Interessante la visione che si dà del mondo scolastico. Si prenda, ad esempio, quando Kotoko studia ardentemente per entrare tra i primi cento classificati agli esami scolastici. Ella ci riesce, grazie a Naoki, ma l’onore le vuole essere negato dalla dirigenza d’istituto perché proviene da un ceto sociale basso.
Nell’adattamento, a causa dei motivi già detti, la storia prende una piega diversa e si trova costretta a una fine repentina che differisce dal manga, e che anzi nella versione originale non rappresentava che un passaggio da una fase all’altra della storia. In questa versione televisiva non c’è traccia, in effetti, del matrimonio tra Kotoko e Naoki e di quanto accade dopo: Naoki si iscrive a medicina e Kotoko frequenta la scuola di infermieristica della stessa università per potergli stare vicino, con tutti i problemi connessi alla vita coniugale. Nella versione di Morita tutto si risolve nell’ultimo episodio. Il giovane intraprende anche qui la carriera medica, come anche Kotoko va a una scuola per infermiere. Questa però si trova in un’altra città e la ragazza si deve quindi trasferire. Ritorna dopo due anni e trova un Naoki praticamente fidanzato. Il cambiamento di sentimenti del ragazzo nei confronti di Kotoko, accorgendosi finalmente di lei, appare troppo frettoloso, rispetto a quanto è avvenuto nell’intera serie, mentre davvero intrigante è il passaggio, seppur per un episodio, di Kotoko da macchietta a una maturità inaspettata.
Nonostante alti e bassi, nell’insieme Itazura na Kiss è un prodotto godibile, più divertente, nonostante sia meno complesso, del coreano Playful Kiss, ma lontano molte miglia dalla davvero pregevole versione taiwanese It Started with a Kiss.

 

 

paese: Giappone
emittente: TV Asahi
stagione: 1
numero episodi: 9
anno (prima messa in onda): 1996
regia: Morita Mitsunori
creatore: Tada Kaoru (manga), Kusumoto Hiromi, Mori Harumi (sceneggiatura)
attori: Kashiwabara Takashi (Irie Naoki), Satō Aiko (Aihara Kotoko), Naitō Takeshi (Aihara Shigeo), Asada Miyoko (Irie Machiko)

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook